Una storia fatta di grandi eventi

 

Villa Bria ha giocato un ruolo rilevante negli eventi storici degli ultimi 400 anni.

Proprio qui, nel 1631, si incontrarono gli ambasciatori di Ferdinando I Duca di Mantova e Marchese di Monferrato, Carlo Emanuele I, Luigi XIII Re di Francia e il Cardinale Richelieu per siglare il trattato che pose fine alla seconda guerra del Monferrato.

Ma le origini di Villa Bria risalgono alla metà del Quattrocento, quando fu edificata a scopo difensivo, ai confini tra lo Stato del Monferrato e quello dei Savoia. La sua posizione strategica, infatti, permetteva di controllare una zona teatro di scontri e dissidi tra i due casati e dava alloggio alle guarnigioni durante le campagne militari.

È solo a metà del ‘700, con l’arrivo di Gian Domenico Beria – da qui Villa Beria e poi Bria - che la Villa si trasforma finalmente in residenza di villeggiatura. Sotto il patrocinio dei Beria, vengono aggiunte le caratteristiche Gallerie laterali, e costruita la Cappella consacrata a San Carlo Borromeo, per le funzioni nobiliari. Con l’ultimo discendente dei Beria, Benedetto Maurizio, conte di Argentine viene completato il processo di ristrutturazione; il conte, infatti, commissionò ai migliori pittori gli splendidi affreschi con suggestioni storiche e bibliche che tuttora impreziosiscono i soffitti.

Oggi Villa Bria riconferma la sua naturale inclinazione all’accoglienza, ospitando convegni, eventi, team building, workshop e matrimoni che desiderano un posto nella storia, ma con tutte le funzionalità moderne.

Copyright © 2013 Villa Bria